PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI

Contattare il personale di riabilitazione (Palazzina G)
Tel: 0661245631 Cell: 334 9094038
(il Lunedì il Mercoledì dalle ore 8.30 alle ore 18 e il Martedì, Giovedì e Venerdì dalle ore 8.30 alle ore 14.30)

ORARI

Mercoledìì 8:00/12:00

Fisioterapia e Riabilitazione

Osteopatia

La medicina osteopatica è una forma di medicina manuale non invasiva, che non somministra farmaci e appartiene al novero delle medicine complementari e alternative (CAM). È basata sul contatto manuale sia per la diagnosi che per il trattamento. Sottolinea l’importanza dell’integrità strutturale e funzionale del corpo, nonché l’intrinseca tendenza del corpo all’auto-guarigione. L’osteopatia nasce quindi da un approccio globale (olistico) finalizzato al ripristino delle stato di salute.

Indicazioni:

L’osteopatia mira a riequilibrare vari distretti del corpo (visceri-muscoli-fasce-scheletro) interconnessi tra loro, la cui disfunzione può creare sintomatologia algico-infiammatoria in tali apparati. Tra le componenti del sistema somatico potenzialmente affette da disturbi o alterazioni si possono annoverare;

  • Apparato muscolo-scheletrico: Disturbi dell’ATM, Rachialgie, Torcicollo miogeno, Emicranie muscolo tensive, lombalgie, traumatismi muscolo scheletrici;
  • Apparato respiratorio: Asma, Bronchiti Croniche Ostruttive;
  • Apparato intestinale: Coliche, Sindrome del Colon Irritabile, Dismenorrea, Reflusso Gastroesofageo.

Valutazione:

Gli operatori osteopatici utilizzano un’ampia varietà di tecniche terapeutiche manuali per migliorare la funzione fisiologica e ripristinare l’omeostasi, alterata dalla disfunzione somatica (che interessa la struttura del corpo).

Nella prima seduta viene effettuata una valutazione globale da parte dello specialista osteopata (storia clinica, sintomi, esame obiettivo strutturale per individuare le disfunzioni somatiche) e proposto il trattamento specifico.

Durante il test valutativo e/o nel trattamento, possono essere qualora necessario, esplorati la cavita orale e/o il condotto uditivo esterno sempre  in modo non invasivo.

Modalità d’esecuzione del trattamento:

In base alla problematica da trattare, l’osteopata può avvalersi di diverse tecniche integrate tra loro o eseguite singolarmente:

Chinesiterapia: mobilizzazione distrettuali di articolazioni in modo passivo e attivo

Massoterapia: massaggio manuale eseguito sulla muscolatura o tessuto connettivo (fasciale) ove lo stato di tensione o retrazioni muscolo tendinee possono generare riduzione del movimento articolare loco regionale.

Pompage vascolare: tecnica di allungamento e riposizionamento dei tessuti meno mobili in sequenza alternata e ripetitiva

Tecniche ad energia muscolare: tecniche dove si attiva la muscolatura in sequenza ritmica in modo da rilassare e migliorare le disfunzioni articolare e miofasciali sottostanti.

Tecnica cranio-sacrale: La terapia cranio-sacrale nasce dalla scoperta che esiste un ritmo cranio-sacrale che garantisce la costante nutrizione del cervello e che si modifica in presenza di patologie organiche o in seguito a traumi, fisici o psicologiche. Le tecniche craniali agiscono riequilibrando questo ritmo e riarmonizzando tutte le funzioni organiche e lo stato psichico.

Tecniche viscerali: Le tecniche viscerali vengono svolte attraverso drenaggio/pompaggio emo-linfatico, per migliorare il deflusso del sangue venoso e della linfa in organi come il fegato e la milza quando questi sono in uno stato di congestione.

Tecniche funzionali: Tali tecniche si basano sul portare al massimo del range la mobilita’ ove presente la disfunzione al fine di riprogrammare il sistema verso parametri fisiologici.

Controindicazioni:

I trattamenti osteopatici sono controindicati nei pazienti affetti da diagnosi tumorale in atto, in pazienti con gravi patologie cardiache scompensate, in pazienti con infezioni in atto, nelle flebiti acute, nella dermatosi infettiva, nei pazienti portatori di Pace Maker Cardiaco, nelle nefropatie acute, nei pazienti in trattamento farmacologico per crisi comiziali (stati epilettici), nei disturbi psichiatrici diagnosticati, nonche’ nelle donne nei primi tre mesi di gravidanza

Rischi:

I possibili rischi correlati al trattamento osteopatico dopo la prima seduta possono essere:un aumento transitorio del dolore nella zona trattata nelle ore successive al trattamento e della possibile durata di circa un giorno; sensazione di nausea nei trattamenti viscerali; cefalea nella tecnica cranio-sacrale sempre con regressione spontanea nell’arco di un giorno circa.

Come accedere all’ambulatorio:

Questo servizio è in PRIVATO SOCIALE.

Si puo’ accedere solo dopo prescrizione medica specifica  per effettuare questo tipo di prestazione.

Il servizio è a cura del fisioterapia Simone Pesci dottore in osteopatia.

Scopri quali sono le altre terapie in Privato Sociale

Hai bisogno di informazioni?

Contatta la
nostra struttura

X